Crea sito

Enzo Maiorana scrive ai Sigg. Presidenti facendo un appello: i Siciliani e i Meridionali, dopo 160 anni, meritano il diritto alla cittadinanza o no?

Enzo Maiorana scrive ai Sigg. Presidenti facendo un appello: i Siciliani e i Meridionali, dopo 160 anni, meritano il diritto alla cittadinanza o no?

C/A Presidente della Repubblica dr Sergio Mattarella

C/A Capo del Governo avv. Giuseppe Conte

 

    Egregi Presidenti,

I Siciliani e i Meridionali facciamo un accorato appello affinché dopo 160 anni possiamo ottenere il Diritto di Cittadinanza che finalmente ci porterebbe ad avere gli stessi Diritti di tutti gli Italiani.

Noi Siciliani e Meridionali da sempre ci battiamo per una vera Unità Nazionale che non può essere limitata al solo concetto geografico se a questo non si associa un’uniformità sociale ed economica.

I Siciliani e i Meridionali Le chiediamo di mantenere lo stesso atteggiamento che manifesta nel chiedere il rispetto del principio della solidarietà tra i Paesi dell’UE nei confronti di tutti gli Italiani superando l’annosa differenza economica tra le varie Regioni.

Tra l’altro mentre in Europa non può che fare appello alla solidarietà, nel caso degli Italiani facciamo appello al riconoscimento dei Diritti di tutti sanciti dalla Carta Costituzionale che prevede tutti i cittadini hanno Diritto alle stesse opportunità.

È nel rispetto di questi Principi fino ad oggi disattesi, che chiediamo a Lei Sig. Presidente della Repubblica estremo custode dei Diritti Costituzionali e a Lei sig. Presidente del Consiglio nel Suo ruolo di “Difensore degli Italiani” di poter intervenire a favore di una vera giustizia sociale.

I sacrosanti Diritti dei Siciliani e dei Meridionali purtroppo sono da sempre stati traditi da tutti i Governi con la sottrazione di risorse sempre a favore di altri.

La stessa legge 42 del 2009 sul federalismo che norma la divisione delle risorse dello Stato alle Regioni penalizza la Sicilia e le Regioni del Sud perché è stata ingiustamente posta a base la Spesa Storica invece della popolazione e dei LEP.

Questa legge sottrae alle Regioni del Sud 60 miliardi di euro l’anno a favore di altre Regioni secondo il principio non giusto per cui il ricco diventa sempre più ricco e il povero sempre più povero.

Noi Siciliani e Meridionali da sempre siamo costretti a dover sopportare disagi enormi per sopravvivere, povertà relativa e assoluta, sottosviluppo, disoccupazione generale e giovanile, emigrazione economica non degna di un grande Paese, senza parlare della carenza in infrastrutture materiali e immateriali che rendono i nostri Territori non competitivi.

Questi enormi disagi, oggi e nel prossimo futuro, come conseguenza della pandemia diventeranno drammatici.

La grave recessione che riferisce della perdita del PIL nazionale intorno al 9% sarà nettamente più alta al Sud perché colpirà un territorio già debole e aumenterà in modo prevedibile i nostri già gravi disagi.

Con questo appello Sig. Presidente del Consiglio desideriamo invitarLa, pur nelle enormi difficoltà economiche che l’Italia dovrà affrontare, a delle riflessioni nella suddivisione dei sostegni che destinerà ai Siciliani e Meridionali.

A Voi, Sig. Presidente della Repubblica e Sig. Presidente del Consiglio, desideriamo sottoporvi un’altra ingiustizia che dobbiamo sopportare noi Siciliani.

Mi riferisco alla mai realizzata attuazione dello Statuto di Autonomia della Regione Siciliana che pur è una legge costituzionale e in particolare ai suoi art. 36 e 37 che prevedono che le tasse su tutto ciò che viene prodotto in Sicilia debbano essere pagati alla Sicilia.

Questo non è mai avvenuto con conseguente danno economico per miliardi di euro l’anno.

Permettetemi di citare, pur non essendone degno, il Presidente Piersanti Mattarella strenuo difensore del nostro Statuto.

“L’Autonomia Regionale che costituisce la risposta democratica e unitaria del nuovo Stato repubblicano alle istanze della Sicilia del dopoguerra rimane patrimonio inalienabile di cui siamo e saremo sempre gelosi custodi”.

Enzo Maiorana  Presidente di Noi Meridionali

Enzo Maiorana, Enzo Maiorana, Enzo Maiorana